NOTA! Questo sito utilizza cookie tecnici.

Per proseguire nella navigazione clicca sul pulsante 'Approva'. Per saperne di piu'

Approvo

I cookie di LIR

limbrogliaccioredi.it utilizza i cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Gli utenti che accedono al Sito, vedranno inserite delle quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso, che siano computer o periferiche mobili, in piccoli file di testo denominati “cookie” salvati nelle directory utilizzate dal browser web dell’utente. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.

Cookie del gestore del Sito

Cookie tecnici limbrogliaccioredi.it utilizza cookie “tecnici”, quali i cookie di navigazione o sessione, quelli di funzionalità e quelli analitici.

Cookie di navigazione o sessione: specificatamente, vengono utilizzati cookie di navigazione o sessione, diretti a garantire la normale navigazione e fruizione del sito web, e quindi finalizzati a rendere funzionale ed ottimizzare la stessa navigazione all’interno del sito.

Cookie di funzionalità: inoltre, vengono installati cookie di funzionalità, strettamente necessari per fornire servizi esplicitamente richiesti dall’utente.

I documenti

Dal Manoscritto, al Brogliaccio, alle lettere di Redi: per chi voglia approfondire.

I documenti che riporto sono i principali strumenti che abbiamo utilizzato per dare vita al libro. Trattandosi di un romanzo basato su una storia vera, è importante avere dei riferimenti certi per poter avanzare opinioni.

Cercheremo di inserire un po' alla volta tutti i documenti che abbiamo utilizzato per dare vita al romanzo: perciò questo link è in costante aggiornamento.

La lettera 645 e 646

La lettera 645 e 646

Queste lettere del'Epistolario Malpighi, sono forse il principale strumento di attribuzione della scoperta dell'eziologia acarica della scabbia a Cestoni. Sono la versione che due dei maggioi ricercatori e scienziati contemporanei degli eventi narrati in LIR, Lorenzo Bellini e Marcello Malpighi, danno del lavoro di Cestoni: il lavoro è tutto del Cestoni, sostiene Bellini alla fine di pagina 1297 e Malpighi non sembra dubitarne. I due conoscono molto bene il valore di Cestoni e la loro vicinanza con esso è più autorevole di qualsiasi parere dei posteri.

Categoria I documenti principali
Dimensione 1932.37Kb
Accesso Chiunque può visualizzare questo file.